Psicoterapia

ISIPSé

Donnel Stern
“La libertà relazionale”
Roma, marzo 2014

La psicoterapia è un luogo sicuro dove è possibile fermarsi, prendere tempo, ascoltarsi e imparare a riflettere in un modo nuovo.

Possiamo sentire il bisogno di consultare uno psicologo o di iniziare una psicoterapia quando ci troviamo di fronte ad eventi di particolare significato emotivo, associati ad esperienze di confusione e incertezza.

Perché iniziare una psicoterapia?

Alcuni di noi iniziano una psicoterapia per alcuni sintomi comparsi in seguito ad un periodo particolarmente stressante. Può trattarsi di un problema specifico, un problema in un rapporto di coppia o un pensiero doloroso che non si riesce a scacciare via.

Altri si avvicinano alla psicoterapia per un problema più enigmatico, un senso di vuoto, o per la difficoltà a prendere una decisione importante nella propria vita.

Si può essere spinti infine dal semplice, ma allo stesso tempo complesso e universale bisogno di dare maggior senso alla propria vita.

Chi è lo psicologo / psicoterapeuta?

Psicoterapia per la gente

Lews Aron
Past President IARPP
“Psicoterapia per la gente”
Roma, febbraio 2013

Lo psicologo / psicoterapeuta è un professionista allenato nell’esplorazione dei vissuti emotivi e della soggettività del paziente. La qualità dello scambio tra paziente e psicoterapeuta avrà un ruolo centrale al fine di promuovere una relazione di fiducia.

Lo psicoterapeuta è una persona preparata ad ascoltare le persone in profondità, per un lungo periodo di tempo e con grande intensità. Un alleato con cui tracciare una nuova strada, un possibile testimone di fronte a cui poter portare fuori la propria sofferenza.

Un impegno sostenuto

Le soluzioni ai problemi possono essere difficili da trovare, e non esistono soluzioni tout court che possono andare bene per tutti.

L’alleanza con lo psicoterapeuta e la specificità della relazione terapeutica permetterà una maggiore comprensione dei problemi e agevolerà la ricerca delle soluzioni possibili legate alla complessità della persona che richiede una psicoterapia.

Solo un lavoro sostenuto e continuato nel tempo può permettere di trovare le soluzioni più giuste per quella determinata persona in quel particolare momento della sua vita.

La durata

Tony Bass

Tony Bass
“La fine dell’analisi: compimento della relazione analitica?”
Roma, Aprile 2013

Una psicoterapia può essere breve, medio-lunga o lunga. Numerosi studi sostengono tuttavia che una psicoterapia per essere efficace deve avvenire in un arco di tempo “sufficientemente lungo“.

Il cambiamento è un processo che comporta la variazione di numerosi aspetti del comportamento, del modo di relazionarsi agli altri e del funzionamento neurofisiologico. Tale cambiamento, per essere sostenuto e mantenuto anche dopo il termine della psicoterapia, deve avvenire in un arco di tempo sufficiente a fare propri gli strumenti acquisiti nel corso del processo terapeutico.

L’esito di una buona psicoterapia

L’esito della psicoterapia dipende dagli strumenti che le due persone che partecipano alla terapia creano nella relazione. La psicoterapia è un modo per conquistare questi nuovi “strumenti”, utilizzabili nel corso del processo o quando ci si sentirà pronti a continuare il cammino da soli.


Psicologo Psicoterapeuta Psicoanalista Relazionale

il dott. Perrini riceve a Roma (zona Prati)

Primo colloquio conoscitivo gratuito

cell. 338.2065762 / email: massimo_perrini@yahoo.it

Specialista in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale, il dott. Perrini ha ampia esperienza nel lavoro di consulenza psicologica e psicoterapia con l’adulto, l’adolescente e la coppia genitoriale.

Svolge privatamente l’attività di Psicologo Psicoterapeuta a Roma, e si interessa di problematiche legate all’adolescenza e alla genitorialità, di dissociazione, genere, trauma relazionale, psicoterapia psicosomatica, problemi associati alla dipendenza e allo sviluppo delle relazioni affettive.

Il dott. Perrini si occupa di ansia, depressione, attacchi di panico, problematiche tra genitori e figli, balbuzie, bullismo, traumi evolutivi, disturbi alimentari, problematiche relazionali, disturbi di personalità, disfunzioni sessuali, disturbi psicosomatici, problemi legati all’identità di genere e all’omosessualità, tossicodipendenza.